SEO&Love l’evento che va oltre l’evento: intervista a Lorenzo e Elisa

Di | 2018-03-18T14:03:58+00:00 2 marzo 2018|

Il SEO&Love è l’evento che va oltre l’evento: relatori, partner, sponsor, pubblico e organizzatori vivono un’esperienza ricca di contenuti e forti emozioni. Lorenzo Lucca ed Elisa Piemontesi di Plumer.it, attraverso le loro fotografie, hanno descritto questa atmosfera. Un racconto parallelo a quello ufficiale in grado di esaltare la personalità e carattere dell’evento e i suoi protagonisti con ulteriori colori e sfumature. Abbiamo chiesto direttamente a Lorenzo ed Elisa di illustrare il progetto fotografico attraverso questa intervista.

Cosa avete realizzato per il SEO&Love?

Siamo specializzati nel raccontare le storie delle imprese e delle persone, quindi ci siamo concentrati su quello che rende speciale l’evento di SEO&Love.

Il nostro obiettivo, in sostanza, era quello di creare il racconto del dietro le quinte, tutto quanto non era visibile sul palco e non era già documentato ufficialmente ed efficacemente con le immagini dell’evento.

Per riuscire a farlo in modo che non ci sia la percezione della fotografia “esterna” è indispensabile che l’aspetto fotografico diventi secondario. Anche se sembra strano, il nostro continuo scattare fotografie non deve venire percepito come un servizio fotografico. Per questo siamo partiti il venerdì pomeriggio vivendo le prove dei relatori, gli ultimi preparativi organizzativi, i momenti di stupore e la cena con tutti. Come sempre accade, si scattano fotografie tutti insieme, con il cellulare o con la reflex non importa, si condividono e si organizzano spontaneamente.

Questo in realtà ci ha permesso di strutturare uno storytelling su vari livelli, avevamo in mente 4 linee temporali differenti da svolgere e altrettante destinazioni di utilizzo delle immagini, per rispondere a diverse esigenze di comunicazione.

Il sabato era il grande giorno dell’evento ed abbiamo mantenuto la linea decisa e collaudata per il venerdì, “ficcando l’obiettivo” un po’ ovunque alla ricerca di momenti divertenti, dettagli ed emozioni dello staff.

Avendo piena libertà di movimento abbiamo catturato i momenti più veri ed umani dell’evento, quelli che di solito non si vedono a meno che non si faccia parte dell’organizzazione. E che spesso, neanche gli organizzatori riescono a cogliere, presi dai mille dettagli organizzativi.

Avete vissuto l’evento in maniera differente dal pubblico, quali sono le vostre impressioni?

Quello che forse non si può percepire da spettatore è quanto siate una grande famiglia. L’atmosfera nel dietro le quinte è molto positiva e ricca di energia. Non ci sono invidie e tutti lavorano al meglio per poter facilitare gli altri.

Il pomeriggio con le prove, la cena in albergo la sera prima tutti insieme, il dopo evento di nuovo a tavola. Sembrava a tutti gli effetti una gita di colleghi che si ritrovano nella magica Verona, ed è questo lo stile che abbiamo scelto di impostare nelle due giornate. Abbiamo raccontato quei momenti, niente di più, non serviva fare altro. Vale per molti altri momenti: anche Salvatore Russo e Giulia Bezzi hanno a loro volta una loro immagine simbolo, che racchiude tutto questo lavoro che hanno messo in piedi ed in cui si riconoscono.

Per dire, la foto di Aranzulla sul bus in attesa delle spasimanti, che è diventato un suo post “Epic Win” di San Valentino è un momento spontaneo, nato proprio dal passare il tempo insieme. C’è del tempo, si vuole condividere una idea e realizzarla ridendoci sopra. È una singola immagine, che racchiude tutto uno stile di queste due giornate direi.

Cosa rende unico il vostro lavoro?

Forse riuscire a raccontare la storia di altri, in modo che si riconoscano immediatamente nelle immagini che ottengono.

Per noi è difficile definirlo, ogni storia è diversa e non sappiamo come la racconteremo 🙂

Però Salvatore, forse dovresti dirlo tu cosa rende unico il nostro modo di raccontare attraverso le fotografie! 😛

Founder e direttore creativo di SEO&Love.
Imprenditore, brand builder, marketer, growth hacker e attivatore di persone.

Scrivi un commento

  FEBBRAIO 2019